News

Diritto dei consumatori: differenze tra contribuente e consumatore

Il diritto dei consumatori è dedicato al rispetto verso i privati nei consumi ed è fatto di politiche di tutela. Noi di Stanisci Law Firm operiamo da decenni nel mondo della giurisprudenza e siamo a disposizione anche in questo settore. Ogni persona è un consumatore, consapevole di partecipare a un mondo fatto di domanda e offerta ma che deve tutelare sia chi vende che chi acquista.

Chi sono i consumatori?

Per dare una spiegazione approfondita sul diritto dei consumatori diventa fondamentale capire chi sono questi ultimi. Il consumatore è la persona fisica, o gruppo di persone, che utilizza beni, prodotti o servizi non correlati in maniera diretta a un’attività imprenditoriale.

Se analizziamo la parola dal punto di vista etimologico ci rendiamo conto che questa parola si riferisce a chiunque effettua il consumo e dunque all’utilizzatore di beni e servizi che sono prodotti dal sistema economico.

La differenza con il contribuente

Il contribuente invece è l’autore di una contribuzione, cioè chi paga o è semplicemente tenuto a pagare imposte e tributi statali imposti dalla legge. La differenza evidente dunque è legata al fatto che in un caso c’è la volontà d’acquisto e nel secondo il dovere al pagamento. Nonostante questo ci sono delle peculiarità che affiancano queste due figure perché sono entrambe pronte a far circolare moneta contante all’interno del tessuto economico-sociale del nostro paese.

Quali sono i diritti dei consumatori?

Storica è la frase di John F.Kennedy, Presidente degli Stati Uniti, che sottolineò: “Tra i consumatori, per definizione, ci siamo tutti noi”. Era il 15 marzo del 1962 e il politico offrì questa perla durante il Congresso degli Stati Uniti, parola che fu alla base di quello divenne l’ordine dei diritti dei consumatori mondiali. Proprio il 15 marzo è diventata la giornata dedicata a questo soggetto. Ma quali sono i diritti:

  • Diritto alla sicurezza
  • Diritto di essere informati
  • Diritto di scegliere
  • Diritto di cercare riparazione
  • Diritto di essere rappresentati

Diritto alla sicurezza

In questo senso il consumatore deve essere protetto contro la commercializzazione di beni che possono essere pericolosi per salute e vita. Per fare un esempio contestualizzato possiamo parlare delle pubblicità sul fumo. La Legge 165 del 10 aprile 1962 sottolinea come sia vietata la propaganda pubblicitaria di qualsiasi prodotto da fumo nazionale o estero. A entrare in questo settore è direttamente il Ministero dello sviluppo economico che opera in materia di conformità su prodotti come:

  • Giocattoli
  • Prodotti elettrici a bassa tensione
  • Dispositivi di protezione individuali
  • Prodotti sottoposti alla normativa sulle macchine
  • Prodotti da costruzione
  • Prodotti che possono portare a perturbazioni elettromagnetiche
  • Prodotti nell’ambito delle attrezzature a pressione
  • Apparecchi che bruciano carburanti gassosi

Ovviamente sotto questo punto di vista esiste anche la tutela della sicurezza alimentare.

Diritto di essere informati

Il consumatore ha diritto di essere protetto da quelle che sono informazioni fraudolente, con la Direttiva CEE 84/450 legata alla pubblicità ingannevole. Si deve essere informati in modo da poter scegliere fa quelli che sono i servizi offerti. Proprio per questo motivo è necessaria un’informazione adeguata sia sui prezzi che sulle caratteristiche dei vari prodotti.

Diritto di scegliere

Il consumatore ha sempre e comunque il diritto di scegliere liberamente se acquistare o meno un servizio o un bene. Questa decisione non deve essere assolutamente condizionata da atteggiamenti molesti del venditore. In merito a questo specifico particolare l’AGCM tutela chi acquista da pratiche commerciali aggressive e in grado di poter cambiare e influenzare le scelte.

Diritto di cercare riparazione

Questo specifico diritto è stato approvato dal Regolamento 2021/341 dell’Unione Europea e obbliga quelli che sono i produttori di apparecchiature elettroniche a rispettare alcuni criteri. I prodotti devono risultare riparabili anche fuori da quelli che sono i contesti ufficiali. Molto spesso il consumatore si lamenta proprio di questo fatto e cioè che per riparare un oggetto diventa necessario rivolgersi solo a rivenditori ufficiali. Questo di fatto non è proprio accettato e considerato dal Regolamento citato.

Diritto di essere rappresentati

Diventa importante anche il diritto di essere rappresentati per i consumatori. Si deve consentire alle associazioni di rappresentare efficacemente i diritti.

Le associazioni dei consumatori

L’Associazione dei consumatori ha come scopo principale quello di tutelare i diritti degli utenti. Questi obiettivi di fatto vengono raggiunti attraverso quelle che sono la tutela dell’individuo o del collettivo. La funzione è quella di prevenzione, andando a informare lo stesso consumatore per far sì che si possa evitare la nascita di alcuni problemi. Si tratta, solitamente, di associazioni senza scopo di lucro a cui per partecipare si fanno delle donazioni volontarie dal prezzo irrilevante. L’associazione dei consumatori più conosciuta e Altroconsumo che offre ai suoi iscritti numerosi consigli e anche assistenza legale. Se dunque ci troviamo di fronte a dei problemi con un’azienda o con chi ci fornisce un servizio possiamo rivolgersi a un’associazione che ci indirizzerà verso un legale.

Diritto dei consumatori, la nostra operatività

Noi di Stanisci Law Firm siamo dalla parte dei nostri clienti e vi riceviamo anche per darvi sostegno da consumatori. Ci avvaliamo della nostra esperienza decennale per riuscire a risolvere i vostri problemi. Siamo consapevoli che molto spesso il consumatore si può trovare di fronte a situazioni che non sa gestire. Per questo siamo sempre attenti ai particolari, fornendovi onestà e grande attenzione. Peccare di superficialità in questi campi infatti è il rischio più grande e da non commettere assolutamente. Per questo pensiamo che il lavoro paghi sempre se fatto nella maniera corretta. Se volete farci delle domande sul diritto dei consumatori, se avete bisogno di qualcosa di più nello specifico o semplicemente per ricevere un preventivo potete contattarci in vari modi. C’è la possibilità di chiamarci telefonicamente al numero fisso 08311980021 o scriverci su WhatsApp al mobile 3392991782, di scriverci per mail, attraverso il nostro indirizzo di posta elettronica, a info@staniscilawfirm.it o compilando il form online. Vi risponderemo con rapidità e grande professionalità. Se invece volete venirci a trovare nella nostra sede, potete venire a Via Padre Vito Buonsanto 19 nel comune di Ostuni in provincia di Brindisi.

Richiedi

Un appuntamento